Bot a ZERO, BTP decennale a 1,40, MIB tra 22500 e 24000 punti. Siete pronti per i 30000??

“Immagina… puoi” è lo slogn di una pubblicità dei nostri tempi.

Immagina.. puoi, lo scriviamo noi. Si, perché non immaginarsi il FTSEMIB a quota 30.000? Non costa niente farlo. Scriverlo sicuramente sì, almeno una brutta figura con voi, cari lettori, ma fa parte delle regole del gioco per chi fa il nostro mestiere. E poi ne abbiamo visto fare di quelle ai  “Grossi Calibri” del settore!!  Dovesse accadere, perdonerete anche noi…..del resto fino ad oggi vi abbiamo guidato alla grande!!!!!!

Breve promemoria: dicembre 2012 puntare su Giappone ( Nikkey a 7500 punti) ed Europa ( Eurostock a 2635 punti) , settembre 2013 puntare su Cina ( Shanghai a 2.200 punti), dicembre 2014 puntare su Mosca (Rtsi a 800 punti). Date un’occhiata ai valori attuali, esaminando i grafici sotto riportati:

E allora perché non immaginare il FTSEMIB a quota 30000, diciamo per la metà del 2016!

Troppo ottimisti?  Può essere, tuttavia proviamo ad immaginare che dopo la correzione di questi ultimi 15 giorni il mercato italiano consolidi la sua base (“supporto”) a 22500 e che il Dax non vada sotto gli 11000 ( ” 1° livello intermedio supporto – l’altro, il fondamentale per tenuta ciclo rialzo, a quota 10.000″)

e che si riesca a superare quota 24.000. Da li, cari lettori la strada è libera, i 30.000 diventano possibili!!! Non credete, guardate sotto!

Siamo convinti che ciò possa realizzarsi, l’ipotesi da qui a giugno 2016 forse è un pò azzardata ma se la problematica divenuta “mensile” del debito Greco in qualche modo verrà superata abbiamo davvero la possibilità di vedere l’indice della borsa italiana a quel livello. Certo, le variabili son tante: stabilità geopolitica, tenuta del mercato americano ed una ripresa economica complessiva dell’area Euro  ( ma l’Euro debole e i crescenti consumi nei Mercati Emergenti asiatici  dovrebbero darci una mano in tal senso!).

Non dimentichiamoci l’assenza di rendimento nelle attività finanziarie a minor rischio, una parte di queste prima o poi finiranno per essere investite in azioni o fondi bilanciati/azionari.

E allora forza e coraggio e chi ha tempo non aspetti tempo o di sentir dire alla TV che la borsa va bene per decidersi a comprare. Assistito da professionisti, ovviamente!

Il “chi fa da se fa per tre” in questo settore non è sempre la cosa migliore!!!!!

Sempre disponibili a rispondere ai vostri quesiti tramite “info@baglinifinanza.it”, salutiamo

Fabrizio Baglini – www.baglinifinanza.it –